RiCreAzione 2017

SAM_2023L’Associazione Culturale Passione e Percorsi, a seguito dei successi delle passate edizioni, ha deciso di riproporre RiCreAzione: mercatino artigianale del riuso creativo!!! L’entusiasmo dei visitatori, la visibilità che ha ottenuto l’Associazione e la soddisfazione dei soci – artigiani / creativi ci ha spinto a pianificare a reiterare la manifestazione grazie al Comune di Treviso. Il mercatino si svolgerà in Piazzetta Battistero (davanti Calmaggiore) a Treviso, durante tutto il 2017 nelle seguenti date: 18 e 19 Marzo, 8 e 9 Aprile, 27 e 28 Maggio, 10 eSAM_7677 11 Giugno, 23 e 24 Settembre, 28 e 29 Ottobre, 25 e 26 Novembre, 2-3-8-9-10-16-17-23-24 Dicembre. L’evento avrà luogo dalle ore 9:30 alle ore 19:30 ed è organizzato con il patrocinio del Comune di Treviso.

Lo scopo è quello della promozione del Riuso Creativo nel territorio trevigiano, sotto l’aspetto artistico, culturale, dell’ingegno e della creatività. L’evento si caratterizza dal punto di vista della sostenibilità, del rispetto dell’ambiente, dell’esperienza creativa e de
l consumo critico. Saranno presenti artisti, artigiani e creativi che mostreranno come si possono trasformare materiali e oggetti vari in vere e proprie opere artistiche dall’alto valore aggiunto. La selezione degli espositori viene effettuata scegliendo coloro che, oltre ad essere soci dell’Associazione, creano oggetti utili e belli a vivere un esperienza creativa, realizzata con materiali di recupero. Gli artisti espositori effettueranno anche SAM_1242dimostrazioni pratiche delle loro abilità in occasione di tale evento, qualora le condizioni lo permettano. In questo modo, la cittadinanza potrà toccare con mano e apprendere tecniche di lavorazione di materiali vari e conoscere il vasto mondo del riuso creativo anche nell’aspetto pratico. Questo anche alla luce del fatto che si possono organizzare corsi e laboratori per apprendere l’uso di tecniche diverse e per incrementare le conoscenze e le abilità su come evitare gli sprechi. Quindi, sentitevi liberi di curiosare, chiedere, suggerire e di informarvi e saremo lieti di soddisfare tutte le vostre curiosità.

Se volete sostenere l’evento e l’iniziativa, venite a trovarci durante le date suddette allo SAM_7557stand dell’Associazione oppure andate alla nostra pagina DONAZIONI. Magari mettendo come causale: donazione per RiCreAzione. Così anche voi vi sentirete attori della sostenibilità e potrete aiutare la diffusione delle buone pratiche. Questo perché, più siamo e maggiore è il conforto e l’allegria nel fare un percorso virtuoso insieme. E poi siamo sempre alla ricerca di nuovi compagni di viaggio, perché l’Associazione è fatta di persone. Non importa che tutti siamo creativi: ognuno porta e apporta quello che è 🙂

Treviso, quindi, abbraccia l’artigianato ed il riuso creativo e si rende ancora più sostenibile e rispettosa dell’ambiente. La manualità è un aspetto essenziale e fondamentale nella vita di tutti i giorni, e la sua riscoperta e valorizzazione rappresentano un momento importante al quale non si può mancare. Ne vedrete delle belle!!!

La bellezza appartiene agli occhi che sanno guardarla!!!

SAM_2911

 

Per maggiori informazioni per gli espositori cliccate qui

 

Annunci

#comeparlidime

comeparlidime-marzo-2017Anche quest’anno, in occasione dell’8 marzo, la città di Treviso promuove un programma comeparlidime-8-marzo-2017di iniziative ideate e realizzate da una rete di associazioni sostenute dal Comune di Treviso, Assessorato alla partecipazione, politiche giovanili, pari opportunità: il coordinamento Oltre l’8 marzo r_Esistenze, di cui l’Associazione Culturale Passione e Percorsi fa parte.
Il coordinamento è composto da enti, associazioni, cittadini e cittadine di Treviso, e lavora coinvolgendo e responsabilizzando il territorio col fine di promuovere una cultura di parità, e progettando azioni di sensibilizzazione e contrasto della violenza di genere e delle discriminazioni uomo/donna.
Quest’anno l’hasthag individuato #comeparlidime pone l’accento sul potere e il ruolo che hanno i mezzi di comunicazione nel veicolare stereotipi.
Vi invitiamo a partecipare e a diffondere tra i vostri contatti il programma, che prevede:
SABATO 4 MARZO 20178marzo_a5_retro_rid
Palazzo dei Trecento, ore 15:45 – 18:00
convegno “La parola è una potente signora: donne e comunicazione”
Claudia Padovani, Università degli Studi di Padova
Maria Pia Zorzi, giornalista RAI Veneto
Francesco Marini, Azienda ULSS n.2 Marca Trevigiana
Modera Elena Mattiuzzo
segue buffet
MERCOLEDI’ 8 MARZO 2017
via Alzaia 121, Fiera, ore 13:00
Cerimonia di intitolazione dello Spazio Donna a Tina Anselmi
segue aperitivo
Piazza dei Signori, ore 16:00 – 17:30
Manifestazione a cura del Coordinamento Oltre l’8 Marzo r_Esistenze
al termine verrà offerta una cioccolata calda
Museo di Santa Caterina, ore 18:00 -20:00
Cerimonia di conferimento della civica benemerenza Riflettore Donna
VENERDI’ 10 MARZO 2017 (dedicato solo alle donne)
Villaggio Solidale, via Fossaggera 4/d, ore 18:30
Da donna a donna.
dialogo sui piaceri al femminile
con Violeta Benini, ostetrica, a cura del coordinamento LGBTE Treviso
8marzo_a5_programma

L’Associazione nel 2016

statisticheNel corso dell’anno 2016, l’Associazione Culturale Passione e Percorsi ha raggiunto la quota di 44 soci, iscritti e tesserati, che partecipano a vario modo alle attività proposte. Ciò rappresenta il numero più alto di soci che l’Associazione abbia mai avuto dalla sua fondazione, nel 2012, ad oggi e supera di 4 soci la pur ragguardevole soglia del 2015, che si attestava a 40. Questo significa che l’idea che ha portato alla sua istituzione e fondazione piace, che c’è voglia di farne parte e che l’accesso è molto democratico e poco costoso (5 euro a socio/a). I benefici sono stati notevoli, soprattutto dal punto di vista sociale e umano. Infatti, l’apporto e il contributo di tante idee e personalità, arricchiscono l’Associazione di nuovi stimoli, punti di vista e proposte. I 44 soci sono suddivisi tra 30 femmine e 14 maschi, pari rispettivamente al 68% e al 32% del totale circa. Il che significa che l’Associazione ha una preponderanza di socie e si declina prevalentemente al femminile :).

Anche la pagina dell’Associazione su Facebook ha fatto un notevole balzo in avanti, essendo seguita a gennaio 2017 da 263 persone, contro le 193 di gennaio 2016, ovvero 70i-like persone in più. Tra i nostri fan social le cose non cambiano, anzi si rafforza la tendenza della presenza femminile, pari all’83%, mentre quella maschile è al 17%. 253 fan su Facebook sono italiani, o meglio italiane :), ma abbiamo anche una piccola propensione internazionale, annoverando 4 fan dalla Tunisia, 2 dalla Romania e 1 ciascuno dal Brasile, dalla Spagna, dalla Francia e dall’Uruguay. Molti dei post pubblicati su Facebook hanno avuto una copertura che ha valicato quella dei soli followers raggiungendo, per esempio, nella giornata del 12/06/2016, la quota di 837 visualizzazioni. Anche altre giornate hanno visto un numero importante di visualizzazioni, con una media di 200 per post, a volte attestandosi attorno alle 400, altre volte ad una quota più bassa di 50 – 70. L’argomento maggiormente visualizzato è stato sempre quello di RiCreAzione, il mercatino artigianale del riuso creativo che l’Associazione organizza. Un evento che si sta facendo conoscere sempre di più, non solo online, ma anche con il passaparola a voce, e di cui siamo fieri.

blogLo stesso sito / blog, nel corso del 2016 ha avuto risultati importanti: 20 articoli pubblicati, 10708 visualizzazioni, 7055 visitatori. Il che significa che ogni visitatore ha visto una media di 1,52 pagine. Insomma, stiamo lavorando bene, ma faremo ancora di più. Una piccola curiosità: l’ora più popolare in cui è stato visualizzato il nostro sito / blog è stata le 17:00, quando il 9% dei visitatori ha letto le nostre pagine, mentre il giorno più popolare è stato il lunedì, con il 19% del totale delle visualizzazioni.

grazieChe dire? Ringraziamo le fan e le socie di tanto apprezzamento e tanta partecipazione, ma anche  i nostri fan ed i soci maschi meritano una menzione per il loro irrinunciabile contributo, che garantisce pluralità e dialettica. GRAZIE per seguirci, per i contributi, i suggerimenti, i complimenti, insomma grazie per stare con noi.

 

Treviso cuor di Natale 2016

treviso-cuor-di-natale-dicembre-2016L’Associazione Culturale Passione e Percorsi, all’interno del contesto cittadino della città di Treviso e in accordo e coordinamento con l’assessorato alle attività produttive, con le altre associazioni, enti e realtà territoriali, partecipa con il patrocinio del Comune di Treviso a Treviso cuor di Natale con l’evento RiCreAzione – mercatino artigianale del riuso creativo che si svolge in Piazzetta Battistero (Calmaggiore) i sabati e le domeniche del 3-4-10-11-17-18 Dicembre 2016. L’iniziativa si caratterizza per l’elevato grado di artigianalità e di rielaborazione dei materiali di recupero, scarto e riciclo che vengono raccolti, sam_4820sistemati e rielaborati in modo creativo dai nostri soci artisti – artigiani. Durante questi week end prima di Natale e in vista del Natale, potete ammirare come si riusa la carta, i tessuti, le stoffe, il legno, i metalli, le camere d’aria, le cialde del caffè, i bottoni, le posate, i bulbi delle lampadine e tanto altro ancora, per un tripudio di artigianato, fantasia e arte creativa. Gli oggetti che troverete sono molteplici, dai gioielli agli elementi di arredo, dagli abiti alle cose utili e belle. Ce n’è per tutti i gusti con la nostra immancabile capacità di sorprendervi e di stupirvi. Qui potete vedere una parziale ANTEPRIMA delle creazioni!

Quindi, non solo un mercatino, ma un momento di scoperta, di curiosità, di bellezza, di sostenibilità e di consumo critico. Per mostrare, farci vedere, educare e conoscere la bellezza del riuso creativo, della manualità diffusa e di scelte sostenibili e democratiche alla portata di tutti. Per un Natale diverso, fatto anche di scelte consapevoli, di fantastiche novità e di calorosi sorrisi. RiCreAzione è proprio l’evento che si rivolge a tutta la famiglia, grandi e piccini. Un momento di svago, come la ricreazione scolastica o la pausa lavorativa, ma anche un momento creativo e ricreativo nel senso di dare nuova vita a materiali per creare oggetti utili e belli. Quindi, non mancate!!!

Ricapitolando le date, ci troverete il:

RiCreAzione – mercatino artigianale del riuso creativo si inserisce all’interno di un contesto più ampio che vedrà l’intera città celebrare le feste natalizie dall’Avvento fino all’Epifania, tra Mercatini di Natale, il Villaggio di Natale – Treviso on Ice sui bastioni delle Mura nei pressi di Porta SS. Quaranta, i numerosi di presepi (per esempio la Mostra di mini Presepi dal Mondo allestita al Museo Diocesano a Treviso in Via Canoniche, 9), sam_4838mostre e rappresentazioni viventi della natività, la Rassegna Nuovi Canti di Natale, i Mercatini di Natale di Lienz con i prodotti tipici del Tirolo Orientale, la Mostra Fotografica a Palazzo dei Trecento, curata da Veneto Fotografia, e la tradizionale Mostra di Modellismo presso la Camera di Commercio. Ci sarà anche il coinvolgimento dei quartieri meno centrali con le iniziative come Natale a San Paolo, dove si svolgerà la mostra fotografica ed una serie di eventi musicali. Tra gli appuntamenti musicali natalizi ci saranno il Festival Gospel ospitato al Teatro Sant’Anna dal Gruppo Alcuni, dal 13 al 28 dicembre 2016; il 1° gennaio 2017 come da tradizione si svolgerà il Concerto di Capodanno al Teatro Mario del Monaco.

Il programma di Treviso Cuor di Natale riserva delle gradite proposte anche per i bambini con le iniziative di Abracadabra Abibrat – Quante storie abbiamo in Brat e poi gli spettacoli della Leggenda di Natale in Piazza dei Signori il 17 e 18 dicembre 2016, la tradizionale Giostra a Cavali oltre a Natale allo zenzero – Laboratori di Mammart Obiettivo famiglia.

Il 27 dicembre ci sarà la Cerimonia di Consegna delle Chiavi di Treviso ai Pooh.

banner_70x140 OK

#maipiùinvisibile 2016

mai-piu-invisibile-2016

Questo è il comunicato stampa per una migliore diffusione dell’iniziativa TREVISO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE, hashtag #maipiùinvisibile

Il Comune di Treviso aderisce alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Dal 18 al 28 novembre 2016 sono in programma molte iniziative proposte dal coordinamento Oltre l’8 marzo r_Esistenze e dalle associazioni trevigiane, tra cui la nostra Associazione Culturale Passione e Percorsi.

Anche quest’anno, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, la città di Treviso promuove un programma di iniziative che ha l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza di genere, riflettere sugli stereotipi e gli aspetti culturali connessi alla violenza e informare su come il fenomeno sia trasversale a livello geografico, generazionale e di condizione sociale delle donne.

Le attività sono state ideate e realizzate dal coordinamento Oltre l’8 marzo r_Esistenze, una rete di enti, associazioni, cittadini e cittadine di Treviso che lavora per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e il superamento degli stereotipi e delle discriminazioni di genere, con il sostegno del Comune di Treviso, Assessorato alla partecipazione, politiche giovanili, pari opportunità.

Il filo conduttore del programma quest’anno è legato alle ricadute della violenza, in particolare all’interno del contesto familiare: l’hashtag #maipiùinvisibile pone l’accento sulla poca visibilità dei traumi e delle conseguenze della violenza subita da un minore che assiste quotidianamente a episodi di violenza fisica e/o psicologica sulla propria madre. Per molti anni la stessa violenza sulle donne è stata invisibile, invisibili le donne che l’hanno subita così come le forme che assumeva. I numeri delle vittime di violenza continuano ad essere molto alti e, molto spesso, le donne che si rivolgono ai centri antiviolenza sono madri di bambini e bambine che da anni assistono ad episodi di violenza domestica. Considerando le coppie con figli in cui è avvenuta una violenza contro la donna, negli ultimi anni, la percentuale di quelle in cui i figli hanno assistito alla violenza è passata dal 60,3% al 65,2%. E nel territorio trevigiano, il Centro Antiviolenza Telefono Rosa di Treviso, da gennaio al 31 ottobre 2016 ha preso in carico 129 donne.

Il programma si apre venerdì 18 novembre con l’inaugurazione della mostra IN VULNERE – dentro la ferita allestita a Palazzo dei Trecento, a cura dell’Associazione Culturale D’ARTEfatti e di FilaMENTi e realizzata con la collaborazione del Comune e del Progetto Giovani di Treviso. Lo sguardo di oltre venti autori indaga le lacerazioni, fisiche e mentali, che affliggono chi ha subito violenza, componendo un percorso scomodo per chi lo affronta dall’esterno e prova a immaginare un atto di violenza e le sue ripercussioni. La collettiva d’arte si potrà visitare tutti i giorni (ore 16 – 20). In occasione del finissage della mostra domenica 27 novembre alle ore 20:00 sono in programma la proiezione del documentario Il peggio di me di Giovanni Pellegrini, alla presenza del regista, a cura di Cineforum Labirinto, e il reading di poesia di Silvia Salvagnini dal libro L’orlo del vestito. Storie di bambine contro le chiacchiere cittadine con accompagnamento di musica elettronica.

Spezza le catene è il titolo della conferenza in calendario sabato 19 novembre alle ore 16:00 in Sala dei Trecento proposta dall’associazione Bikers Against Child Abuse Italy Onlus, in collaborazione con la Questura di Treviso-sezione minori e l’ULSS 9. Un contributo al dibattito sulla violenza di genere e sul tema della violenza assistita, fenomeno purtroppo ancora oggi poco conosciuto e considerato. Roberta Durante, psicologa psicoterapeuta, approfondirà il tema La voce dei bambini contro la violenza; Isidoro Grammauta, 
Sostituto Commissario Polizia di Stato, spiegherà Come è strutturata e come interviene la Polizia di Stato in caso di abuso; Claudia Magnaschi, avvocato e membro dell’associazione B.A.C.A. affronterà La violenza assistita: conseguenze sulla salute dei minori e aspetti giuridici; Roberta Toffoli,
psicologa psicoterapeuta, racconterà L’accoglienza ed il sostegno, l’esperienza del centro antiviolenza ed antistalking La magnolia.

Dal 19 novembre e per dieci giorni, nell’edificio La Madonnina dell’ULSS 9 Treviso, si potrà visitare la mostra di Anarkikka, nome d’arte dell’illustratrice e autrice Stefania Spanò, che nel suo progetto affronta il tema della violenza assistita intrafamiliare. Quindici tavole che raccontano una violenza sottovalutata e di cui si parla poco, che provoca nei minori disturbi gravissimi a livello emotivo, cognitivo, fisico e relazionale, e che solo in Italia coinvolge 400.000 bambini.

Venerdì 25 novembre, nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’appuntamento è in Piazza dei Signori dalle ore 18:00 per una manifestazione di sensibilizzazione a cura del coordinamento Oltre 8 marzo r_Esistenze, con una performance dell’associazione D’ARTEfatti.

Sabato 26 novembre alle ore 20.30 al Teatro Eden si svolgerà la settima edizione del Premio Donna di Medicina che sarà conferito alla Presidente Emerita dell’Associazione Italiana Donne Medico – Sezione di Treviso, la dottoressa Sara Stefania Tabbone, scomparsa lo scorso gennaio, con la seguente motivazione: “Premiare Sara Stefania Tabbone è riconoscere il valore della sua attività professionale e scientifica come psichiatra e psicoterapeuta, anche quale Autrice del Progetto Pilota per le Tossicodipendenze adottato nel 1982 dalla Regione Veneto, il suo lavoro per la valorizzazione delle differenze di genere, delle donne medico e di tutte le donne, e per la lotta alla violenza contro le donne, il suo impegno civile per la promozione della salute, dell’arte e della scienza come strumenti di emancipazione umana. Il Premio è anche un atto di riconoscenza dell’Associazione verso colei che nel 2005 rifondò la Sezione di Treviso dell’A.I.D.M., la diresse con passione e competenza, nel 2009 ideò il Premio Donna di Medicina e dedicò il suo sapere e le sue capacità organizzative alla riuscita delle successive edizioni del Premio”.

Il programma si concluderà lunedì 28 novembre alle 20.30 al Teatro Comunale di Treviso tra musica, danza e prosa. Promossa dall’Assessorato alla Partecipazione, Politiche Giovanili e pari opportunità, la serata A te Donna è dedicata alle Donne contro la violenza di genere. Il programma prevede musiche di Liszt, Brahms, Schumann, Monk e Satie interpretate dal pianoforte di Francesco Bencivenga, con Alessia Toffanin e Anna Trentin e Anna Manfio, la danza di Marta Zollet e Giulio Petrucci e il progetto teatrale dell’Istituto Duca degli Abruzzi con la regia di Valentina Paronetto.

Si rinnova anche quest’anno l’adesione alla campagna del Fiocco bianco (White Ribbon Campaign – WRC) nata in Canada e oggi diffusa in più di 50 Paesi in tutto il mondo. Portare un fiocco bianco rappresenta un impegno personale a non commettere mai, né a giustificare o a rimanere in silenzio, di fronte ad atti di violenza commessi sulle donne. Portare un fiocco bianco è un modo per dire “nel nostro futuro non c’è posto per la violenza sulle donne”. Si aderisce inoltre alla campagna Posto occupato che, mediante un gesto concreto, dedica un “posto” a tutte le donne vittime di violenza. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto viene riservato a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga.

La diversità di iniziative che compongono #maipiùinvisibile rispecchia l’eterogeneità di realtà che ha contribuito alla realizzazione di un intenso programma, mettendo a disposizione della comunità passione, tempo e competenze.

PER INFORMAZIONI:

Email: oltre8marzo@gmail.com

Tel.: 345.8764367 (Spazio Donna)

Facebook: @oltre8Marzo

maipiuinvisibile

ConVivendo Festival 2016

convivendo-locandina-2016-passione-e-percorsiL’Associazione Culturale Passione e Percorsi, in collaborazione con Girovagando Eventi, partecipa con una selezione di suoi soci / artisti / artigiani a ConVivendo Festival, Mostra Mercato di 4 giorni a Castelbrando (Cison di Valmarino – TV), dal 29 di Ottobre al 1° di Novembre 2016. La manifestazione, ad ingresso gratuito, si svolgerà negli spazi del castello, all’interno di un TEATRO TENDA, coperto, riscaldato e debitamente allestito. Gli orari della manifestazione sono: Sabato 29 e Lunedì 31 Ottobre dalle 14.00 alle 22.00; Domenica 30 Ottobre e Martedì 1° Novembre dalle 10.00 alle 19.00.

La Mostra Mercato, oltre che sull’aspetto del riuso creativo dei materiali, che più ci compete, verterà anche su una esposizione di prodotti biologici, naturali, ecologici ed equosolidali. Durante la manifestazione saranno previsti LABORATORI DIDATTICI per ragazzi, ARTISTI DI STRADA e Lunedì 31 Ottobre serata a tema HALLOWEEN. Non mancate! 🙂

 

 

Treviso Creativa 2016

Treviso Creativa 2015L’Assessorato alla semplificazione, sviluppo e crescita del Comune di Treviso ha sviluppato e coordinato, come ogni anno, anche l’edizione 2016 di Treviso Creativa e di Aspettando … Treviso Creativa, giunti alla loro terza edizione, che si avranno luogo nella città capoluogo della Marca per due fine settimana consecutivi, l’ultimo di Settembre (sabato 24 e domenica 25) e il primo di Ottobre (sabato 1 e domenica 2). Saranno giorni intensi e ricchi di iniziative, eventi, mostre, mercati e spettacoli, dove la città dà il benvenuto, attraverso la creatività, a tutti i cittadini che ricominciano a vivere il quotidiano, di riTreviso Creativa 2015torno dalle vacanze estive. Infatti, i due week end saranno proprio i primi di ripresa vera e propria e, subito, la città propone il suo meglio, fatto di iniziative coinvolgenti, fortemente attrattive e altamente valorizzanti.

Non esiste niente di meglio che tornare alla vita di tutti i giorni e trovare la vacanza a domicilio, attraverso numerosi mercatini sparsi per tutta la città, dal nostro riuso creativo di Piazza Battistero al vintage di San Nicolò e dei Carraresi, da PiTreviso Creativaazza Pola a Piazza Indipendenza, da Borgo Cavour e Piazza Duomo alle ceramiche di Riviera Garibaldi, fino a Piazza Borsa. Non mancheranno momenti di “gusto”, come quelli previsti dai ristoratori della Marca trevigiana in Loggia dei Cavalieri. E che dire delle “parole che ribaltano”, fatte di spettacoli, storie, dialoghi e canzoni creative, presso ISRAA Borgo Mazzini? Oppure della sfilata delle modelle modelliste in Piazza dei Signori l’ultimo giorno di evento? Senza contare le mostre fotografiche e di urban innovation sparse tra la Loggia Palazzo dei Trecento, atrio di Ca’ Sugana e Riviera Santa Margherita.Treviso Creativa

Come avete capito, ci saremo anche noi durante tutti e due i fine settimana, con RiCreAzione – Mercatino Artigianale del Riuso Creativo dei Materiali, sempre in Piazzetta Battistero (Calmaggiore), primi appuntamenti dell’autunno. Saremo proprio al centro della scena, dove tutto si svolge ed ha luogo. E troverete tante favolose e belle novità, perché i nostri soci artisti – artigiani non sono stati con le mani in mano questa estate, ma hanno sviluppato nuove idee e nuove proposte di riuso creativo che vi stupiranno e vi sorprenderanno. Quindi, non potete mancare, perché ne vedrete delle belle, nel vero senso della parola. E tutti noi, saremmo lì con il sorriso, a raccontare i nostrTreviso Creativai percorsi e a far vivere la nostra passione di riuso dei materiali, mostrando come riusciamo a creare oggetti utili e belli, da semplici materiali di scarto di uso quotidiano. E allora, non vediamo l’ora di portare tanta creatività a Treviso, in una manifestazione creata appositamente a tale scopo per “idee che fanno Centro“. A presto!

  • 24 e 25 Settembre (Aspettando Treviso Creativa) – 9:30 – 19:30 – Piazza Battistero
  • 1 e 2 Ottobre (Treviso Creativa) – 9:30 – 19:30 – Piazza Battistero

Earth Overshoot Day 2016

Earth Overshoot DayE adesso che facciamo? Anche quest’anno ci siamo! Sempre prima rispetto all’anno precedente. Infatti, nel 2016, l’8 Agosto l’umanità ha terminato le risorse rinnovabili che può usare e per il resto dell’anno intaccherà le riserve accumulate nel corso del tempo. Quest’anno abbiamo anticipato di 5 giorni rispetto al 2015, che già era in earth_overshoot_dayanticipo rispetto al 2014. Nel 2000 cadeva a fine settembre, e così via… Basti pensare da dove siamo partiti. Nel 1970, l’Overshoot Day cadde il 23 dicembre. Ne abbiamo fatta di strada, ma a ritroso e a nulla sono valsi fino ad ora i moniti, gli avvertimenti, le conferenze internazionali, gli appelli, le riunioni degli esperti e ogni genere di tavola rotonda e di notiziario catastrofico. Perché si continua a consumare come se niente fosse. E’ vero che negli ultimi cinque anni il ritmo di anticipo di questo giorno è rallentato, ma è ancora troppo poco per invertire la tendenza.

earth_overshoot_day_2016Ricordiamo che ognuno, nel suo piccolo, può fare molto. Infatti, per soddisfare la domanda mondiale servirebbero 1,6 Pianeti. Ma se la popolazione globale vivesse come gli italiani, ci sarebbe bisogno di 2,7 Terre. Per soddisfare la domanda degli italiani con le sole risorse nazionali, invece, ci vorrebbero 4,3 Italie. Insomma, non è sempre e solo colpa di chi vive lontano e dei Paesi in Via di Sviluppo. Certamente, loro devono fare grandi sforzi per uno sviluppo sostenibile, ma anche noi abbiamo ancora tanta strada da fare. I dati lo dimostrano.Earth Overshoot Day 2016

«Emettiamo più anidride carbonica nell’atmosfera di quanto gli oceani e le foreste siano in grado di assorbire e deprediamo le zone di pesca e le foreste più velocemente di quanto possano riprodursi e ricostituirsi», ha evidenziato Global Footprint Network.

In termini globali, il costo dell’eccesso di spesa ecologica sta diventando più evidente di giorno in giorno. Il cambiamento climatico né è il risultato più evidente e sicuramente il più preoccupante. Ma dobbiamo elencarne altri come la riduzione delle foreste, la perdita delle specie viventi, il collasso della pesca, i prezzi sempre più alti delle materie prime, i disordini civili.

#pledgefortheplanetCon la campagna #pledgefortheplanet (Impegno per il Pianeta) lanciata il 22 aprile, Giornata della Terra, le persone sono invitate a scegliere un #pledgefortheplanet (dall’ospitare un party vegetariano a ridurre il consumo di energia, usare il meno possibile la propria automobile o ridurre il consumo quotidiano della carta…) e a condividere selfie attraverso i social media. Naturalmente, è un punto di partenza!

L’umanità deve imparare a ridurre il proprio utilizzo di fonti fossili, non rinnovabili, per passare alle pledge for the planetenergie pulite, deve limitare le emissioni di Co2, intervenire per diminuire l’inquinamento e riconsiderare la distribuzione delle proprie risorse alimentari e non. Ad esempio Portogallo, Germania e Regno Unito hanno già coperto il 100% della loro domanda di energia con le fonti rinnovabili, mentre in Cina è stato elaborato un piano per ridurre il consumo di carne così da ridurre le emissioni di CO2 anche di un miliardo di tonnellate entri il 2030. E’ un nuovo modo di vivere, ma siamo sicuri che è migliore, più pulito e sicuramente più economico. La tecnologia può aiutare, ma sono i nostri piccoli gesti che faranno la differenza. Quindi, basta sprechi, basta usa e getta. Affezioniamoci alle cose. Si possono recuperare, magari con altri usi, invece di buttarle al primo cedimento. Cerchiamo di invertire la tendenza. Già da oggi, dalle nostre vacanze e dalla vita di tutti i giorni. Una piccola cosa alla volta, ma tutti insieme.

earth_overshoot_day_2

C’era una volta…Treviso d’estate 2016

logo trevisoL’Associazione Culturale Passione e Percorsi, con il Patrocinio del Comune di Treviso, sarà presente con RiCreAzione (Mercatino Artigianale del Riuso Creativo), in occasione di “C’era una volta… Treviso d’estate“, sabato 18 e domenica 19 Giugno 2016, in Piazzetta Battistero (davanti Calmaggiore) per dare il benvenuto all’estate, insieme a tutta la cittadinanza trevigiana. Sarà previsto il tutto esaurito, quindi la piazza sarà gremita ditreviso-d-estate soci espositori, artigiani del riuso creativo, che stupiranno con i loro capolavori artistici, in un’ottica di sostenibilità, creatività e manualità. Troverete proposte in carta, tessuti, metalli, legno, vinile, vetro, conchiglie … e tanto altro ancora, in un’apoteosi di riciclo e riuso, per contagiare ed essere contagiati da questa sostenibile e sorprendente attività.

Sabato 18 Giugno andremo avanti dalle 9:00 di mattina RiCreAzione Maggio 2016fino alle 23:00, mentre domenica 19 Giugno ci saremo sempre dalle 9:00 fino alle 20:00. Sarà presente anche uno stand pensato appositamente con laboratori per i più piccoli, dove i bambini potranno creare, sperimentare, pasticciare e “recuperare” vari tipi di materiali, mentre i genitori saranno letteralmente rapiti e catturati dalla bellezza delle opere esposte e dalla maestria dei soci / espositori. Il laboratorio si chiama “Il Festone delle Vacanze” e sarà realizzato sabato 18 Giugno dalle ore 16:00 alle ore 18:00.  Il lavoro con i bambini è importantissimo, perché sono proprio loro il nostro futuro e, far capire loro valori quali riuso, riciclo e sostenibilità, attraverso la manualità, è RiCreAzione Maggio 2016indispensabile per un futuro migliore e più “verde”. Questo è sempre stato il nostro obiettivo e continuiamo a portarlo avanti con impegno, passione e serietà, con adulti, bambini e persone di ogni genere ed età, perché non si è mai troppo piccoli per iniziare e non si è mai troppo grandi per rimettersi in gioco. Anzi, sarà bello vedere bambini e genitori insieme ai laboratori, perché siamo sicuri che, dal punto di vista manuale, questa volta i bambini saranno più immediati nell’applicazione pratica, non avendo nessun tipo di filtro pregresso 🙂

Tutto questo sarà inserito in un contesto cittadino che vedrà altri mercatini dell’artigianato sparsi per la città (Piazza dei Signori, Piazza Indipendenza, Piazza Borsa, Borgo Cavour); mostra scambio foto alla Loggia dei Cavalieri; mostra fotografica “Treviso d’altri tempi” al Mercatino RiCreAzione Maggio 2016Palazzo dei Trecento, gli Elvis Days sulle mura, una “Stella in Piazza” con Carla Fracci che girerà per la città, e tante altre attività. Per i più piccoli, da segnalare anche le iniziative “Bimbi in Festa”, ovvero “i misteri dei giardini di Sant’Andrea”, con prove, indizi, questiti e imprevisti per i giovani investigatori; ed i “giochi con Villa delle Magnolie, con un incontro intergenerazionale tra giovani ed anziani. Insomma, un magnifico week end di festa, riuso, riciclo, artigianato e tanta musica, aperto a tutti, per salutare insieme l’arrivo dell’estate 2016. Siete tutti invitati ed i benvenuti!!!

PIEGHEVOLE Treviso d'estate 2016_Page_1

PIEGHEVOLE Treviso d'estate 2016_Page_2

 

Giornata mondiale dell’acqua, oggi e sempre!!!

giornata mondiale dell'acqua water jobOggi è la Giornata Mondiale dell’Acqua – World Water Day. Da quando nel 1992 le Nazioni Unite l’hanno istituita, si celebra il 22 marzo, ogni volta su un tema di attualità. L’edizione di quest’anno è dedicata al ruolo centrale che l’acqua svolge nella creazione di posti di lavoro. Infatti, lo slogan del 2016 è “Better water, better jobs”. Secondo l’Onu, il 78% dei posti di lavoro nel mondo dipende direttamente dall’acqua. Quindi, è importante prevedere l’approvigionamento idrico di milioni di persone, in vista anche di un aumento della popolazione mondiale. Fare questo significa garantire a tutti l’accesso all’acqua e creare posti di lavoro a tale scopo. Dall’altro lato, però, secondo l’Unicef, circa 750 milioni di persone nel mondo non hanno accesso all’acqua potabile. better-water-better-jobsInoltre, 2,4 miliardi di persone non hanno servizi igienici personali e 1,8 miliardi di persone nel mondo potrebbero bere acqua contaminata dal batterio escherichia coli, perché ci sono materiali fecali nelle loro acque.

Per non parlare del consumo diseguale. Negli Stati Uniti d’America un abitante consuma in media 425 litri di acqua al giorno, mentre un cittadino del Madagascar, per esempio, solo 10 litri al giorno. Un italiano ne consuma 237 litri al giorno. In Italia, inoltre, una famiglia su tre non beve acqua di rubinetto, perché “non si fida”. Comprando ogni anno 12,5 acqua potabilemiliardi di litri di acqua in bottiglia, l’Italia è il primo paese consumatore di acqua minerale in Europa, utilizzando a tale scopo quasi 700 mila  tonnellate di petrolio e immettendo nell’atmosfera quasi  950 mila tonnellate di CO2 equivalente. Eppure, l’acqua minerale in bottiglia viene controllata per legge solo una volta l’anno, e questo può avvenire anche tramite autocertificazione, mentre i controlli relativi alla rete idrica avvengono almeno 4 volte l’anno e sono compiuti dalla Asl. A parte questo, anche i limiti e i parametri dei controlli sono più severi e stringenti. Quindi, è una questione di educazione e di messaggi sbagliati che vengono percepiti come veri.

L’acqua, in Italia, viene sprecata molto anche nelle tubature che sono fatiscenti: il 37%, infatti, si perde acqua_rubinetto_sicurasemplicemente e non arriva mai a destinazione. Questo disastro è aggravato anche dalla privatizzazione delle rete idrica. Nonostante 26 milioni di italiani, nel 2011, si sono espressi contro la privatizzazione dell’acqua e per l’acqua pubblica e bene pubblico, si disattende tale democratica espressione dei cittadini e si continua a dare l’acqua ai privati, che poi però non fanno investimenti adeguati. L’unica grande città che è andata nella direzione giusta, ri-pubblicizzando l’acqua, è stata Napoli, assumendo nuovo personale, rinnovando la rete e le vasche di filtraggio.

world_water_day_2016Anche se il consumo di acqua per usi domestici è solo il 4 % dell’acqua che consumiamo ogni giorno, questo non vuol dire che bisogna sprecarla o cederla o comprarla per lucro. La maggior parte del consumo idrico, in Italia, serve soprattutto all’agricoltura e agli allevamenti intensivi: l’acqua viene impiegata per produrre quello che mangiamo: per esempio, con 500 litri si possono produrre 100 grammi di formaggio e con 2.400 litri un  solo hamburger. Questo significa coltivare magari con irrigazione a spreco-acquagoccia e mangiare meno carne, oltre a sprecare meno acqua in assoluto. Inoltre, se si butta via il cibo o un paio di jeans quasi nuovi, si butta via anche l’acqua che è servita per produrli. Secondo l’Istat, in Italia l’irrigazione agricola richiede, in un anno, 12 miliardi di metri cubi di acqua e l’industria manifatturiera ne utilizza 5,5 miliardi di metri cubi.

Oggi bisogna considerare anche e soprattutto i cambiamenti climatici e la crescita della risparmiare acquapopolazione in rapporto all’approvigionamento idrico. Infatti, nel periodo 2001-2014 la precipitazione totale media annua è stata di 740,8 mm, l’1,1% in meno rispetto al valore climatico 1971-2000. Inoltre, la temperatura media annua nel periodo 2001-2014 è stata di 15,1°C, in aumento di 0,9°C rispetto al valore climatico 1971-2000. Dati che depongono a favore di un riscaldamento globale. Mentre, secondo nuove stime delle non me ne lavo le maniNazioni Unite, la popolazione mondiale, oggi sui 7 miliardi, raggiungerà i 9 miliardi nel 2050, un incremento dovuto soprattutto ai  Paesi  in Via di Sviluppo. Quindi, clima più caldo, acidificazione degli oceani, minori piogge, aridità, siccità e desertificazione dei terreni, innalzamento del livello dei mari, dovuto allo sciogliersi delle calotte polari permanenti; tutto queshuman bodyto con contemporaneo aumento della popolazione mondiale. Se l’acqua è vita, stiamo facendo di tutto per distruggerla. Non si tratta di saperlo, bisogna anche cambiare i propri comportamenti e insistere affinché si abbandonino le vecchie logiche dei combustibili fossili non domani, ma oggi. Solo così si potranno mitigare gli effetti che già vediamo e già incidono pesantemente, e si potrà garantire acqua per tutti. In caso contrario, diverrà il nuovo petrolio e conflitti e migrazioni nasceranno a causa della sua scarsità e del suo avido accaparramento. Spero che giornate come quella odierna aiutino a riflettere e non siano solo un giorno per “lavarci” la coscienza.