#maipiùinvisibile 2016

mai-piu-invisibile-2016

Questo è il comunicato stampa per una migliore diffusione dell’iniziativa TREVISO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE, hashtag #maipiùinvisibile

Il Comune di Treviso aderisce alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Dal 18 al 28 novembre 2016 sono in programma molte iniziative proposte dal coordinamento Oltre l’8 marzo r_Esistenze e dalle associazioni trevigiane, tra cui la nostra Associazione Culturale Passione e Percorsi.

Anche quest’anno, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, la città di Treviso promuove un programma di iniziative che ha l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza di genere, riflettere sugli stereotipi e gli aspetti culturali connessi alla violenza e informare su come il fenomeno sia trasversale a livello geografico, generazionale e di condizione sociale delle donne.

Le attività sono state ideate e realizzate dal coordinamento Oltre l’8 marzo r_Esistenze, una rete di enti, associazioni, cittadini e cittadine di Treviso che lavora per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e il superamento degli stereotipi e delle discriminazioni di genere, con il sostegno del Comune di Treviso, Assessorato alla partecipazione, politiche giovanili, pari opportunità.

Il filo conduttore del programma quest’anno è legato alle ricadute della violenza, in particolare all’interno del contesto familiare: l’hashtag #maipiùinvisibile pone l’accento sulla poca visibilità dei traumi e delle conseguenze della violenza subita da un minore che assiste quotidianamente a episodi di violenza fisica e/o psicologica sulla propria madre. Per molti anni la stessa violenza sulle donne è stata invisibile, invisibili le donne che l’hanno subita così come le forme che assumeva. I numeri delle vittime di violenza continuano ad essere molto alti e, molto spesso, le donne che si rivolgono ai centri antiviolenza sono madri di bambini e bambine che da anni assistono ad episodi di violenza domestica. Considerando le coppie con figli in cui è avvenuta una violenza contro la donna, negli ultimi anni, la percentuale di quelle in cui i figli hanno assistito alla violenza è passata dal 60,3% al 65,2%. E nel territorio trevigiano, il Centro Antiviolenza Telefono Rosa di Treviso, da gennaio al 31 ottobre 2016 ha preso in carico 129 donne.

Il programma si apre venerdì 18 novembre con l’inaugurazione della mostra IN VULNERE – dentro la ferita allestita a Palazzo dei Trecento, a cura dell’Associazione Culturale D’ARTEfatti e di FilaMENTi e realizzata con la collaborazione del Comune e del Progetto Giovani di Treviso. Lo sguardo di oltre venti autori indaga le lacerazioni, fisiche e mentali, che affliggono chi ha subito violenza, componendo un percorso scomodo per chi lo affronta dall’esterno e prova a immaginare un atto di violenza e le sue ripercussioni. La collettiva d’arte si potrà visitare tutti i giorni (ore 16 – 20). In occasione del finissage della mostra domenica 27 novembre alle ore 20:00 sono in programma la proiezione del documentario Il peggio di me di Giovanni Pellegrini, alla presenza del regista, a cura di Cineforum Labirinto, e il reading di poesia di Silvia Salvagnini dal libro L’orlo del vestito. Storie di bambine contro le chiacchiere cittadine con accompagnamento di musica elettronica.

Spezza le catene è il titolo della conferenza in calendario sabato 19 novembre alle ore 16:00 in Sala dei Trecento proposta dall’associazione Bikers Against Child Abuse Italy Onlus, in collaborazione con la Questura di Treviso-sezione minori e l’ULSS 9. Un contributo al dibattito sulla violenza di genere e sul tema della violenza assistita, fenomeno purtroppo ancora oggi poco conosciuto e considerato. Roberta Durante, psicologa psicoterapeuta, approfondirà il tema La voce dei bambini contro la violenza; Isidoro Grammauta, 
Sostituto Commissario Polizia di Stato, spiegherà Come è strutturata e come interviene la Polizia di Stato in caso di abuso; Claudia Magnaschi, avvocato e membro dell’associazione B.A.C.A. affronterà La violenza assistita: conseguenze sulla salute dei minori e aspetti giuridici; Roberta Toffoli,
psicologa psicoterapeuta, racconterà L’accoglienza ed il sostegno, l’esperienza del centro antiviolenza ed antistalking La magnolia.

Dal 19 novembre e per dieci giorni, nell’edificio La Madonnina dell’ULSS 9 Treviso, si potrà visitare la mostra di Anarkikka, nome d’arte dell’illustratrice e autrice Stefania Spanò, che nel suo progetto affronta il tema della violenza assistita intrafamiliare. Quindici tavole che raccontano una violenza sottovalutata e di cui si parla poco, che provoca nei minori disturbi gravissimi a livello emotivo, cognitivo, fisico e relazionale, e che solo in Italia coinvolge 400.000 bambini.

Venerdì 25 novembre, nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’appuntamento è in Piazza dei Signori dalle ore 18:00 per una manifestazione di sensibilizzazione a cura del coordinamento Oltre 8 marzo r_Esistenze, con una performance dell’associazione D’ARTEfatti.

Sabato 26 novembre alle ore 20.30 al Teatro Eden si svolgerà la settima edizione del Premio Donna di Medicina che sarà conferito alla Presidente Emerita dell’Associazione Italiana Donne Medico – Sezione di Treviso, la dottoressa Sara Stefania Tabbone, scomparsa lo scorso gennaio, con la seguente motivazione: “Premiare Sara Stefania Tabbone è riconoscere il valore della sua attività professionale e scientifica come psichiatra e psicoterapeuta, anche quale Autrice del Progetto Pilota per le Tossicodipendenze adottato nel 1982 dalla Regione Veneto, il suo lavoro per la valorizzazione delle differenze di genere, delle donne medico e di tutte le donne, e per la lotta alla violenza contro le donne, il suo impegno civile per la promozione della salute, dell’arte e della scienza come strumenti di emancipazione umana. Il Premio è anche un atto di riconoscenza dell’Associazione verso colei che nel 2005 rifondò la Sezione di Treviso dell’A.I.D.M., la diresse con passione e competenza, nel 2009 ideò il Premio Donna di Medicina e dedicò il suo sapere e le sue capacità organizzative alla riuscita delle successive edizioni del Premio”.

Il programma si concluderà lunedì 28 novembre alle 20.30 al Teatro Comunale di Treviso tra musica, danza e prosa. Promossa dall’Assessorato alla Partecipazione, Politiche Giovanili e pari opportunità, la serata A te Donna è dedicata alle Donne contro la violenza di genere. Il programma prevede musiche di Liszt, Brahms, Schumann, Monk e Satie interpretate dal pianoforte di Francesco Bencivenga, con Alessia Toffanin e Anna Trentin e Anna Manfio, la danza di Marta Zollet e Giulio Petrucci e il progetto teatrale dell’Istituto Duca degli Abruzzi con la regia di Valentina Paronetto.

Si rinnova anche quest’anno l’adesione alla campagna del Fiocco bianco (White Ribbon Campaign – WRC) nata in Canada e oggi diffusa in più di 50 Paesi in tutto il mondo. Portare un fiocco bianco rappresenta un impegno personale a non commettere mai, né a giustificare o a rimanere in silenzio, di fronte ad atti di violenza commessi sulle donne. Portare un fiocco bianco è un modo per dire “nel nostro futuro non c’è posto per la violenza sulle donne”. Si aderisce inoltre alla campagna Posto occupato che, mediante un gesto concreto, dedica un “posto” a tutte le donne vittime di violenza. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto viene riservato a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga.

La diversità di iniziative che compongono #maipiùinvisibile rispecchia l’eterogeneità di realtà che ha contribuito alla realizzazione di un intenso programma, mettendo a disposizione della comunità passione, tempo e competenze.

PER INFORMAZIONI:

Email: oltre8marzo@gmail.com

Tel.: 345.8764367 (Spazio Donna)

Facebook: @oltre8Marzo

maipiuinvisibile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: